il tema secondo Milo De Angelis

tenerlamappalvento

“Il tema era per me un sacramento. Vivevo un’attesa estrema, smisurata. Mi preparavo per giorni e giorni, come ci si prepara per un incontro d’amore. E quando mi trovavo lì, di fronteal foglio bianco, la tensione raggiungeva il suo culmine. La tensione, ma anche la gioia, il compimento, la sensazione che stava per accadere qualcosa di fondamentale e di indelebile. Mi trovavo davanti a una soglia. Il foglio a righe, bianco e rettangola­re, era una porta, bisognava varcarla per entrare nel mondo. E svol­gere un tema era una profezia. Quello che avremmo scritto da lì a pochi minuti in quell’aula era quello che avremmo trovato nella nostra vita: un’anteprima dei nostri amori, dolori, solitu­dini, incontri, una mappa del nostro viaggio, una cartina muta da riempire con la massima precisione di luoghi, fiumi e monta­gne. Insomma un lasciapassare decisivo per la nostra salvezza.

Bisognava essere autentici ed esatti, ricchi di…

View original post 42 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...